Pescara, caos in aeroporto: voli cancellati e passeggeri a terra

Pescara. Caos all’Aeroporto d’Abruzzo: numerosi voli cancellati e passeggeri a terra sotto le feste di Natale. Scoppia la polemica.

“In seguito alla repentina rottura dei rapporti commerciali con il nostro principale fornitore dei servizi a terra, ci vediamo costretti a sospendere la programmazione per Sharm El Sheikh sino al 28 marzo 2018”.

È il post pubblicato sulla pagina Facebook della Balkan Express, che, in pieno periodo di feste natalizie, ha cancellato numerosi voli per la nota località balneare egiziana, lasciando a terra i passeggeri che avevano prenotato e pagato da tempo. Esplode la rabbia dei viaggiatori.

Già ieri l’operatore aveva annunciato che “per ragioni dovute al nostro fornitore locale, siamo costretti ad annullare la partenza prevista per domani 21 dicembre”. Nel post odierno, in cui si annuncia lo stop fino a marzo, Balkan Express sottolinea che “provvederemo a stretto giro ad eseguire un parziale rimborso degli importi già versati per le prenotazioni confermate, in misura proporzionale alle nostre attuali disponibilità di cassa. Provvederemo nel più breve tempo possibile – si legge ancora – a corrispondere gli importi restanti fino a concorrenza dell’integrale importo del costo di prenotazione”.

Ai dipendenti della Balkan, operatore con sede legale a Pescara , secondo persone ben informate sui fatti, sarebbe stato detto di non andare a lavoro domani. Intanto esplode la rabbia dei viaggiatori sul web. “Ma non è possibile mi lasciate a terra 7 giorni prima della partenza con tutto pagato”, scrive un utente. “Mi avete lasciato a terra a due giorni da Natale, i soldi li avete presi immediatamente”, commenta un altro.

(foto di repertorio)