Minori e pregiudicati in un circolo privato: tre mesi di stop per un locale a Pescara

passamonti questorePescara. Il questore di Pescara, Paolo Passamonti, ha disposto la sospensione, per 90 giorni, della attivita’ di somministrazione di alimenti e bevande di un circolo privato situato in via Sacco, all’interno del quale sono stati eseguiti diversi controlli che hanno consentito di rintracciare perfino dei bambini.

 

 

Il provvedimento e’ stato notificato ieri sera dalla Polizia di Stato. Ad eseguire i controlli sono stati la Guardia di Finanza e la squadra volante della questura: si e’ ritenuto che il circolo in questione, in una delle zone piu’ a rischio di Pescara, fosse abituale ritrovo di pluripregiudicati, nonostante sia stato costituito per finalita’ ricreative e di formazione dello sport. Al suo interno sono stati invece rintracciati a tarda ora non solo numerosi pregiudicati ma anche sei minorenni, di cui tre di eta’ inferiore ai 14 anni e perfino un bambino di 7. Passavano il loro tempo li’, vicino alle slot machine, nonostante l’accesso fosse vietato ai minorenni. In un’altra occasione sono stati rintracciati nel circolo persone con precedenti penali e di polizia e un sorvegliato speciale ubriaco, che si trovava nel locale in violazione agli obblighi e al divieto di frequentare esercizi, sale giochi e circoli. L’uomo e’ stato arrestato, dopo quel blitz. Il provvedimento, spiegano dalla questura, ha finalita’ di prevenzione di fronte a dei pericoli che possono minacciare l’ordine e la sicurezza pubblica.



In questo articolo: