Città Sant’Angelo, incendio Butterfly Farm: positivi i dati sull’aria

Città Sant’Angelo. Non riferiscono di pericoli ambientali, dopo l’incendio avvenuto ieri nel vivaio della Butterfly Farm di Città Sant’Angelo, i dati sulla qualità dell’aria rilevati nell’intera giornata di ieri dall’Arta.

La centralina fissa di Montesilvano, sita in Corso Umberto I all’altezza del centro commerciale “Cormorano”, la più vicina (circa due chilometri in linea d’aria) al sito incendiato tra quelle della rete regionale di monitoraggio, restituisce però dati positivi.
Dai dati, validati questa mattina dal personale di Arta Abruzzo, si evince che non si sono verificati significativi incrementi delle concentrazioni degli inquinanti monitorati dalla stazione (polveri sottili PM10 e PM2.5, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene) rispetto ai valori mediamente rilevati nella stagione in corso.
L’Indice di Qualità dell’Aria (IQA) per la centralina di Montesilvano riferito alla giornata di ieri risulta infatti “accettabile”.
CONSULTA I DATI COMPLETI: CLICCA QUI
Sono in corso al laboratorio del Distretto provinciale di Pescara le analisi sui campioni di aria e acque di spegnimento prelevati ieri dai tecnici Arta sul luogo dell’incendio. Non appena disponibili, i risultati verranno trasmessi ai Comuni interessati, alla Asl di Pescara e tempestivamente diffusi.

Intanto proseguono gli accertamenti dei Carabinieri della Compagnia di Montesilvano sull’incendio. La visione delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona confermano che è esclusa l’origine dolosa. Tra le prime ipotesi fatte dai Vigili del fuoco vi è quella di un corto circuito. I danni provocati dall’incendio, che ha completamente distrutto il capannone, sono ancora in corso di quantificazione.