Omicidio Pescara, 38 coltellate: Russo ucciso da un colpo al cuore

Pescara. Sono state ben 38 le coltellate, alcune molto profonde, che Roberto Mucciante ha sferrato a Salvatore Russo, il 58enne ucciso il 25 aprile nel garage di uno stabile in via del Circuito in seguito a una lite condominiale.

Lo ha stabilito l’autopsia, durata cinque ore, eseguita presso l’ospedale civile di Pescara dall’anatomopatologo Cristian D’Ovidio. Presente all’autopsia anche un consulente della famiglia della vittima, Furio Patete, medico legale di Foggia.

Il professor D’Ovidio ha effettuato tutti i prelievi, fra cui quelli istologici, che saranno esaminati dall’Istituto di Medicina legale dell’Università di Chieti. Entro 60 giorni dovrà depositare l’elaborato peritale con i risultati dell’autopsia ma la ferita mortale risulta essere stata inferta al cuore.

Mucciante, 51 anni, è rinchiuso nel carcere di San Donato con l’accusa di omicidio volontario, sarà interrogato domani dalle 10 dal Gip del Tribunale di Pescara Antonella Di Carlo, alla presenza dei legali Gianluigi Amoroso e Clara Di Sipio.