Penne, fondi per le scuole dal Decreto Genova

Penne. Il Comune di Penne ha ottenuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca un contributo economico per sostenere le spese di progettazione di messa in sicurezza sismica degli edifici scolastici.

È una delle novità previste dal “decreto Genova”, che ha stanziato fondi specifici – 120 milioni di euro – a favore di Comuni e Province nelle Regioni del Centro Italia colpite dal sisma del 2016 e del 2017. In Abruzzo, i Comuni beneficiari ammessi ai fondi sono Penne, Silvi, Pianella e la Provincia di Pescara. Al Comune di Penne sono stati destinati 320mila euro.

Lo comunica l’assessore all’urbanistica Giuseppina Tulli. “Il nostro obiettivo – ha spiegato l’assessore Tulli – è mettere in sicurezza le strutture scolastiche comunali: i fondi saranno utilizzati per redigere i progetti definitivi con i quali il Comune potrà accedere ai finanziamenti messi a disposizione dal Governo nazionale e dalla Regione Abruzzo”. La Regione Abruzzo, attraverso il servizio edilizia scolastica, ha ultimato invece l’istruttoria per la concessione di un finanziamento (circa 2 milioni di euro) che sarà utilizzato a mettere in sicurezza sismicamente il corpo B dell’edificio che ospita l’Istituto comprensivo “Laura Ciulli Paratore” di Via Verrotti.

“Abbiamo ottenuto altri 90mila euro per le spese di progettazione relative alla messa in sicurezza del plesso scolastico “Giuseppe Vanni” di Via Caselli – ha aggiunto l’assessore all’istruzione Nunzio Campitelli – e ciò testimonia come l’impegno di questa amministrazione comunale è fortemente orientato a mettere in sicurezza le nostre strutture scolastiche”. La Giunta comunale, su proposta dell’assessore alle politiche sociali Lorenza Di Vincenzo, ha deliberato infine un intervento di 33.660 euro, nelle scuole materne comunali di San Francesco (sostituzione infissi, installazione paraspigoli e sistemazione intonaci) e Polacchi (realizzazione di un nuovo parco giochi).