Pescara, dal Viminale i fondi per altre telecamere di sicurezza

Pescara. Con gli ulteriori 30 milioni di euro erogati dal Viminale, nell’ambito del bando Città Sicure” del ministero dell’Intero, Pescara, sarà fra le città che beneficerà delle risorse e potrà quindi agire per attuare sulla città un piano di videosorveglianza senza precedenti.

La notizia è emersa nella seduta di oggi del Comitato di Ordine e Sicurezza pubblica. Il progetto aveva un importo pari a 1.500.000 euro, di cui 500.000 con risorse comunali: “Ci auguriamo che la copertura consenta il raggiungimento di tale cifra o di quella di 900.000 euro annunciata dal ministro dell’Interno durante la sua prima visita in città”, afferma il sindaco Marco Alessandrini.

“I progetti che saranno finanziati”, aggiunge l’assessore alla Polizia municipale Gianni Teodoro, ”  sono quelli collocatisi fra il 440 e il 660 posto nella graduatoria e ci auguriamo che le risorse consentano la piena copertura del progetto comunale, in modo da poter procedere ad una più ampia progettazione degli interventi da fare. In attesa dei fondi ministeriali, attiveremo le risorse comunali, procedendo alla definizione di tutte le procedure tecniche per la progettazione definitiva e per arrivare alla gara. Cosa a cui ci dedicheremo già da subito, ricercando le professionalità necessarie a dare concretezza e scientificità alla collocazione delle videocamere, perché possano essere potenziate le zone sensibili della città e per dare alla sicurezza urbana un supporto tecnologico di grande importanza sia per l’ordine pubblico, che per la prevenzione e repressione dei reati”.