Pescara inaugura Il Giardino dei Giusti

Pescara. Inaugurato il primo Giardino dei Giusti, dedicato a Simone Veil, ebrea francese sopravvissuta alla Shoah e prima presidente del Parlamento europeo e a Gianni Cordova, fondatore della Laad (Lega abruzzese anti droga), in onore dei quali è stato piantato il primo albero.

Il giardino, ubicato all’interno del Parco Villa Sabucchi, è nato nell’ambito del progetto di alternanza scuola/lavoro ‘Conversazioni a Pescara’ e da una comunione d’intenti tra Comune di Pescara e Fondazione Gariwo.

Commossa la moglie di Cordova, Vera De Gregoriis, che ha espresso un sentimento di gratitudine e ha ringraziato gli organizzatori per l’attenzione mostrata per l’opera sociale svolta da suo marito.

“Un giardino che porta a Pescara una tappa del percorso della Fondazione per dare voce e memoria ai giusti di tutto il mondo”, così il sindaco, Marco Alessandrini e il presidente del Consiglio Comunale, Francesco Pagnanelli. “Ci prepareremo a fare un secondo passo per marzo, con la Giornata Mondiale dei Giusti, piantando un altro esemplare alla memoria di un’altra personalità, invitando la città e chi frequenta il parco a riflettere sul valore delle persone e della loro memoria per la costruzione di un futuro migliore”.

Il prefetto di Pescara, Gerardina Basilicata, ha sottolineato l’importanza per la comunità di Pescara dell’istituzione del Giardino dei Giusti come momento collettivo di riflessione e ha espresso soddisfazione per la grande partecipazione degli studenti all’iniziativa.

Presenti i dirigenti scolastici degli istituti Liceo scientifico Galileo Galilei, Istituto di Istruzione Superiore Alessandro Volta, Liceo Artistico Musicale-Coreuretico Misticoni-Bellisario, Istituto Tecnico Statale Aterno-Manthonè, rispettivamente: Carlo Cappello, Maria Pia Lentinio, Raffaella Cocco e Antonella Sanvitale.

Gabriele Nissim, fondatore e presidente della Fondazione Diritti umani per i Giusti, Gariwo, Gardens of the Righteous Worldwide, ha illustrato gli obiettivi dei Giardini, luoghi d’incontro per sviluppare una nuova e rinnovata cultura di pace e di attenzione ai temi ambientali,  priorità dell’agenda politica di tutti gli stati il mondo. Nissim ha parlato della figura e dell’importanza di Simone Veil compiacendosi con gli organizzatori per essere stati i primi al mondo a dedicarle un albero.

Oscar Buonamano, ideatore e curatore di Conversazioni a Pescara, ha sottolineato l’importanza e la necessità dell’istituzione del Giardino dei Giusti a Pescara per contribuire a rafforzare la cultura della giustizia.

Nella prima parte della mattina, in una sala del Consiglio Comunale piena e attentissima, Gabriele Nissim e Oscar Buonamano avevano interloquito con gli studenti partendo dal libro ‘Il bene possibile’.