Pescara, inaugurate le aule nella sede centrale del De Cecco

Provincia e Regione, stamattina hanno inaugurato ufficialmente le aule, completamente riqualificate dopo il crollo del solaio avvenuto il 19 febbraio 2015, dell’Istituto Alberghiero Ipssar De Cecco di Pescara.

 

“Questa giornata rappresenta il punto di approdo di un percorso lungo e difficile, iniziato tre anni fa, caratterizzato da una grande capacità di ascolto e di dialogo tra le Istituzioni. Ma il nostro processo di crescita non è concluso: ora puntiamo alla rapida conclusione dei lavori di realizzazione dei nuovi laboratori, di un’Aula Magna, alla ristrutturazione della sede di via Italica e alla costruzione del ‘Campus del Gusto e dell’Accoglienza”.

Un video realizzato dalla scuola ha ripercorso, attraverso le immagini l’accaduto: il crollo, la chiusura dei tre livelli, le proteste in piazza degli studenti, e quindi gli interventi del Presidente Di Marco per ottenere i finanziamenti necessari per effettuare i lavori di recupero.

A gennaio scorso c’è stato il ritorno nelle aule delle 18 classi “che hanno sopportato con grande maturità i mesi in cui la scuola è stata necessariamente parcellizzata in più plessi, con continui spostamenti a bordo di bus navetta per raggiungere aule o laboratori. Provincia e Regione hanno però saputo dare attenzione e ascolto alla nostra scuola che per più di vent’anni non ha avuto l’adeguata valorizzazione”, ha ancora sottolineato la dirigente Di Pietro.

“Le finalità dell’Istituto Alberghiero sono nelle nostre corde – ha detto il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini -, in armonia con le specificità del territorio e con lo spirito dei tempi in cui tutti vogliono fare lo chef. Ai ragazzi ricordo che la conoscenza rende liberi, e rimediate le criticità del passato, guardiamo al domani”.

“Oggi è l’occasione per ricordare cos’è accaduto tre anni fa – ha sottolineato il Presidente Di Marco – I finanziamenti necessari per il ‘De Cecco’ li abbiamo chiesti al Presidente della Regione e seguiremo con attenzione le procedure”.

“Quando si fa un’opera pubblica – ha quindi concluso il Governatore D’Alfonso – è giusto rendere conto nel dettaglio all’opinione pubblica sul come sono state spese le risorse. L’Istituto Alberghiero non è una scuola qualsiasi, qui c’è una filiera che trova rigenerazione, in cui non c’è il ventisettismo mentale. Oggi dobbiamo concentrarci sull’infrastruttura decadente di via Italica, affinchè recuperi lucentezza. Alla Provincia chiedo di produrre un progetto esecutivo per restituire agibilità interna ed esterna alla scuola, io m’impegno per far finanziare il progetto, portando subito a Pescara un Ministro responsabile, ossia il Miur. È questo il primo passo verso il Campus che significa omogeneità, io sono scandalizzato da quello che ho visto in via Italica, dobbiamo subito cantierare la struttura, organizzando anche la Conferenza dei Servizi per ottenere subito i pareri di Vigili del Fuoco e Asl”.