Pescara, Istituto Volta: “La scuola cade a pezzi ma la Provincia pensa a ritinteggiarne le colonne”

“Le tapparelle sono rotte, costringendo gli studenti a lavorare al buio, bagni, corridoi e laboratori scolastici sono pieni di infiltrazioni d’acqua, pronti ad allagarsi al primo acquazzone, ma la Provincia dei paradossi di Pescara, anziché predisporre un progetto di risanamento, invia gli operai a ritinteggiare le colonne ‘ammalorate’ della scuola”.

 

A parlare è Armando Foschi, membro dell’Associazione Pescara – Mi Piace, dopo aver ricevuto segnalazioni da famiglie e personale scolastico dell’Istituto Industriale ‘Volta’, scuola su cui ha fatto un sopralluogo anche lo scorso settembre.

Oggi l’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ “torna a chiedere ai consiglieri provinciali di centrodestra di organizzare un sopralluogo congiunto con la Commissione comunale edilizia scolastica per renderci conto delle condizioni di abbandono in cui versa una scuola di assoluto prestigio che, per tre quarti dell’anno, è costretta a vivere tra secchi e tinozze sparpagliati lungo gli spazi interni per raccogliere l’acqua che cade da tetti e soffitti e che a oggi avrebbe bisogno di ben altro che di una semplice ritinteggiatura delle colonne”.