Pescara, la mobilitazione per dire ‘no’ alle trivelle

Pescara. Si terrà anche a Pescara la mobilitazione a sostegno della campagna nazionale ‘Per il clima, fuori dal fossile’, che coinvolge diverse località della costa adriatica colpite da fenomeni atmosferici causati dalle temperature altissime registrate nel bacino mediterraneo.

Tante le iniziative regionali coordinate previste per la giornata di sabato 20 luglio, nelle spiagge di Venezia, Rimini-Riccione, Falconara Marittima, Giulianova, Pescara, Termoli, San Foca-Melendugno.

Trivelle zero, No Gasdotto Snam, Siamo ancona in tempo veneto, No Tap, Stop velENI, Falconara Fuori dal Fossile, No Hub del Gas sono solo alcune delle realtà che fanno parte della Campagna:

“Abbiamo bisogno di una rivoluzione che porti l’attuale modello energetico fuori dai combustibili fossili, che blocchi le grandi opere inutili impedendo l’ulteriore consumo del suolo e la devastazione ambientale. Un cambiamento radicale che possa trasformare profondamente le forme del lavoro e della produzione verso il superamento di un sistema economico irrazionalmente incentrato sullo sfruttamento degli esseri umani e dell’ambiente”, comunicano i promotori della campagna.

A Pescara l’iniziativa, realizzata in collaborazione con Forum abruzzese dei Movimenti per l’acqua, si terrà a partire dalle ore 10:00 presso la spiaggia libera Moroni a mare, allo sbocco di via Leopoldo Muzii.

Una giornata di iniziative contro  trivelle, gasdotti, raffinerie e petrolchimici, un  rotondo NO a tutti gli ecomostri che devastano i territori, espropriano beni comuni, ambiente, paesaggio, qualità della vita e per esigere le sempre più urgenti bonifiche dei siti inquinati”.