Pescara, “Sveltina Comune-Regione per la segreteria di D’Alfonso”: le carte alla Corte di Conti

Pescara. “La Corte dei Conti blocca il rinnovo dei contratti del personale in servizio nella segreteria del Governatore regionale D’Alfonso, non avendo approvato i bilanci consuntivi, e il sindaco Alessandrini fa il generoso con i soldi dei pescaresi, caricando sul bilancio del Comune il pagamento di una dipendente, la dottoressa Marianna Di Stefano, da 4 anni in distacco nella segreteria del Presidente”.

 

E’ la denuncia del capogruppo di Forza Italia al Comune di Pescara Marcello Antonelli, che “tira fuori le carte” dai cassetti di Palazzo di Città. “Per giustificare un provvedimento ingiustificabile”, sostiene Antonelli, “Alessandirni abbozza in quattro e quattr’otto un incarico ad hoc per la stessa dipendente, che, dopo 4 anni svolti come responsabile della Segreteria del Presidente, diventa la responsabile del controllo e del monitoraggio degli investimenti che la Regione sta effettuando sulla città di Pescara”.

“È questa l’ultima machiavellica ‘furbata’ che porta la firma di Regione e Comune su cui”, annuncia il forzista, ” intendiamo andare a fondo: invieremo tutta la documentazione alla Corte dei Conti per un parere di merito e per rendere l’Organo di giustizia contabile consapevole di come la Regione stia cercando, a nostro giudizio, di aggirare il blocco dei contratti; dall’altro lato, con i nostri consiglieri regionali, andremo a questo punto a monitorare ogni giorno che la dipendente in questione abbia concluso il proprio incarico come responsabile di Segreteria e si stia occupando esclusivamente degli investimenti e delle opere inerenti Pescara”.