Pescara, violenza in centro: il sindaco chiude il parco di piazza Santa Caterina

Pescara. Dopo la violenta lite, finita con l’accoltellamento di due persone, avvenuta lunedì sera, per il parco di piazza Santa Caterina scatta la chiusura anticipata.

Il sindaco Carlo Masci ha, infatti, firmato ieri un’ordinanza che  ne dispone la chiusura nelle ore serali, a partire dalle ore 19, con validità fino a data da destinarsi.

Ma la decisione fa discutere e divide la maggioranza di centrodestra. I primi a polemizzare sono i consiglieri di Fratelli d’Italia Massimo Pastore e Fabrizio Rapposelli, che definiscono la chiusura “una iniziativa troppo frettolosa e contro ogni logica in favore della città di Pescara”, proponendo, invece, “una serie di misure tempestive utili a preservare la completa fruizione dei giardini pubblici”. Rapposelli e Pastore rimarcano il “fondamentale controllo 24 ore su 24 con  presenza fissa della polizia municipale,  come è  già avvenuto in precedenza. Così facendo l’intera area del parco sarebbe sempre presidiata garantendo la massima sicurezza ai cittadini, e al contempo, la persistenza dei controlli fungerebbe da deterrente per ogni malintenzionato”.