Aeroporto d’Abruzzo, Aiuto (M5S): “Disastro Saga risanato con i soldi pubblici” VIDEO

http://www.youtube.com/watch?v=U0PcY498hKs

Pescara. E’ l’eurodeputata del M5S Daniela Aiuto a ribattere alle dichiarazioni rilasciate dal Governatore della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, in occasione della presentazione di nuovi voli da Pescara per Sicilia e Sardegna operati da Mistral Air: “Disastro Saga risanato con isoldi degli abruzzesi”.

“Per dichiarazione di D’Alfonso”, rimarca Daniela Aiuto, “nel corso del mese di giugno ci sarà l’approvazione della legge in Consiglio regionale che permetterà di utilizzare nuovamente come Bancomat i cittadini abruzzesi, per far ottenere altri c e garantendo così la sua sopravvivenza e la fee annua a Ryanair, ignorando i regolamenti della Commissione UE.

“Apprendiamo inoltre dal Presidentissimo abruzzese”, prosegue la Aiuto, “che quello d’Abruzzo è l’unico aeroporto minore senza deficit: certo, con un bilancio disastroso risollevato da un sostanzioso finanziamento pubblico è ovvio che possa essere così”.

“Ma quali sono i reali numeri del bilancio Saga più aggiornato?”, si interroga l’europarlamentare, “Sul loro sito web, si evidenzia che i ricavi delle vendite e delle prestazioni sono scesi da 2.774.948 euro del 2015 ai 2.768.203 euro del 2016, quindi a nulla sono serviti i 14 milioni di euro complessivi foraggiati”dalla Regione Abruzzo a Saga, una ingente somma di denaro ripartita in passato in tre tranche: 7 milioni nel luglio del 2015 tramite una ricapitalizzazione, 3 milioni di contributi straordinari nel novembre 2015 e nel luglio 2016 sempre con altri 4 milioni di contributi straordinari”.

“Le statistiche inoltre si aggravano”, conclude la grillina, “se teniamo conto delle movimentazioni, in netto calo analizzando i primi tre mesi di quest’anno rispetto al precedente: si passa da 2.509 a 1.894 unità, con un transito di passeggeri che scende da 125.074 a 119.459 unità ed il calo delle merci movimentate, da 39 a 7 tonnellate! Se poi analizziamo il transito passeggeri a partire dal 2015, assistiamo un crollo di oltre 40.000 presenze da quell’anno verso il 2016 e le previsioni per il 2017 non sono rosee considerato che nei primi tre mesi di quest’anno sono stati 6.000 i passeggeri in transito”.