Pescara, comunali: Padovano si ritira per Masci, si attende il centrodestra. C’è anche Casapound

Pescara. Dopo la scelta del centrodestra nazionale per Carlo Masci come candidato sindaco per Pescara, si rimodula lo scenario in vista delle comunali del 26 maggio.

Se il divorzio di Massimiliano Di Pillo dal Movimento 5 Stelle, che candida Erika Alessandrini, promette di apportare una fetta di voti ex-pentastellati a Carlo Costantini, il centrosinistra è ancora in attesa di fare un nome: il dietrofront dell’uscente Alessandrini farebbe puntare il Pd su Moreno Di Pietrantonio o Carmine Ciofani.

Il fronte del centrodestra, invece, ha deciso; anzi, Berlusconi, Salvini e Meloni hanno scelto Carlo Masci, al quale arriva oggi l’appoggio di Riccardo Padovano, personaggio storicamente oscillante, eletto nella maggioranza di Alessandrini e passato nei giorni scorsi dal gruppo misto di centrosinistra all’Udc.

Padovano, sindacalista del comparto balneatori, aveva già affisso i suoi manifesti 6×3 a fine ottobre per candidarsi a primo cittadino, ma questa mattina ha ufficialmente ritirato la sua candidatura nel corso del consiglio comunale. L’Udc, infatti, correrà con il centrodestra alle comunali a sostegno di Masci. “Ritiro la mia candidatura – ha detto – perchè assieme all’Udc appoggio Masci, la persona giusta per il rilancio di questa città. L’unico in grado di unire il centrodestra. Il suo modo di amministrare – ha aggiunto – è in linea con la mia visione della cittàdi Pescara”.

Una vera e propria campagna acquisti quella dell’Udc che dopo aver preso dalle fila del centrosinistra, negli ultimi giorni, Massimiliano Pignoli e Giuseppe Bruno recluta anche Vincenzo Serraiocco, candidatosi alle ultime regionale con Forza Italia che questa mattina ha annunciato il suo passaggio nell’Unione dei Democratici e Cristiani di Centro.

CasaPound con Iacomelli

“Alle elezioni comunali CasaPound Italia sarà sulla scheda elettorale: ci presentiamo da soli con un nostro programma ed un nostro candidato Sindaco al di fuori  di qualunque coalizione, per cambiare la politica di questa città”, così annuncia in una nota Mirko Iacomelli, responsabile del movimento per la provincia di Pescara.
“CasaPound Italia – prosegue Iacomelli – lancia la sua sfida alla vecchia politica ed ai suoi giochetti, con una propria lista sotto il simbolo della Tartaruga Frecciata, mentre in città gli altri partiti millantano coalizioni e liste civiche dove i ‘soliti noti’ ritornano come una sfilata carnevalesca. A gareggiare per le comunali sono infatti sempre gli stessi personaggi, che mescolando le carte in tavola si ripresentano puntualmente sul palcoscenico delle elezioni a chiedere consensi con le promesse di sempre, destinate a non essere mai mantenute”.
“ Il nostro programma – prosegue il responsabile pescarese di CPI – punterà alla riqualificazione delle aree cittadine sprofondate nel degrado, recuperando e rivalutando le infrastrutture fondamentali per lo sviluppo socio economico della città, che oggi risultano abbandonate al totale degrado a causa della noncuranza degli attori che fino ad oggi hanno impersonato l’interesse pubblico”. CasaPound dichiara così il via alla raccolta firme per la corsa alle Amministrative del 2019 chiamando a raccolta  tutti gli iscritti e i tutti i pescaresi stanchi di vedere la loro città strumentalizzata come scenario di fondo ai soliti teatrini.