Pescara, Sclocco sconfitta: “Centrosinistra diviso”

Pescara. “Il lavoro fatto in campagna elettorale lo faremo diventare un progetto a servizio della città, che darà corpo e voce all’opposizione serrata che condurremo in Consiglio Comunale, ma che continuerà ancora a percorrere vie e quartieri cittadini, per realizzare la città che abbiamo in mente”.

Marinella Sclocco, candidata sindaco per il centrosinistra si prepara al lavoro all’opposizione in consiglio comunale: “Lo faremo – afferma – per consolidare l’impegno di quanti ci hanno creduto mettendosi in trincea in un momento difficile per il centrosinistra, per quanti sono ci rimasti dentro, unendo le forze e assumendosi il rischio di portare avanti i propri ideali, senza saltare sul carro del vincitore di turno per conservare poltrone o cercare di conquistarne di nuove”.

Inevitabile, dato il netto divario incassato con il sindaco eletto, un’analisi politica. “Scontiamo un’onda di centrodestra che oggi ha eletto Masci e ci è riuscito solo per pochi punti percentuali al primo turno, per via di una divisione nel centrosinistra che ha generato confusioni che pesano anche sul nostro risultato. Nonostante tutto questo 14.600 cittadini pescaresi ci hanno dato fiducia andando oltre il voto delle nostre liste. Ho percepito netto e in crescendo l’entusiasmo e la voglia di fare la propria parte, di farlo nei partiti, che devono tornare ad essere luoghi aggreganti e non dove si generano distanze, di farlo unendo ognuno la propria storia e competenza e mettendola a servizio della città”.

“Al sindaco Masci – conclude – va il mio augurio da cittadina, confermando che avrà una opposizione leale agli interessi della città, ma intransigente sui programmi e su gli uomini della stagione del trasformismo. A questo aggiungiamo un impegno: la vittoria elettorale è solo l’inizio di un viaggio lungo e complesso fatto di lavoro e responsabilità, di cui saremo sempre parte attiva come rigorosi e competenti controllori, perché questo la città ci ha chiesto, ma solo per ora all’opposizione”.