Pescara, via Pepe: “Lavori di dequalificazione”

Pescara. “La ‘dequalificazione’ di viale Pepe è servita: una colata di cemento al posto di mattonelle di pregio, l’abbattimento di intere fila di pini storici, l’utilizzo del marmo cadente riciclato dall’ex Tribunale, hanno reso inutili, anzi dannosi,   quei lavori che dovevano invece essere l’occasione per dare un’identità straordinaria a un asse gemello di corso Umberto, ma localizzato a Porta Nuova”.

A denunciarlo è Berardino Fiorilli, candidato nella lista Amare Pescara-Azione Politica alle prossime amministrative, facendosi portavoce delle critiche e dei disagi di residenti e frequentatori di via Pepe e riferiti al cantiere aperto da mesi e praticamente fermo.

“Quei lavori”, prosegue Fiorillo, “oltre che peggiorare in maniera evidente il look estetico della strada, sono anche in netto ritardo rispetto alla stagione estiva ormai alle porte, privando il quartiere di parcheggi strategici a servizio della spiaggia e rendendo impraticabile l’asse anche ai pedoni. L’ennesima ciliegina su una torta ormai scaduta lasciataci in eredità dal sindaco uscente Alessandrini “.