Tortoreto, nuovo depuratore: residenti ricorrono al Tar

Tortoreto. Impugnato davanti ai giudici del Tar gli atti amministrativi che hanno spianato la strada alla realizzazione del nuovo depuratore consortile di Tortoreto.

 

 

 

 

Da qualche settimana al tribunale amministrativo de L’Aquila è depositato un ricorso contro la realizzazione del primo lotto del nuovo impianto di depurazione, per il quale è stata bandita la gara d’appalto.

Sono sette i firmatari, di contrada Salino, del ricorso amministrativo, che hanno impugnato due delibere del Comune di Tortoreto ( e di riflesso contro la Ruzzo Reti che ha proposto l’intervento).

 

 

 

Gli atti per i quali si chiede l’annullamento sono due, come detto. In primis la delibera di consiglio comunale, del novembre 2015 con la quale l’assemblea civica ha approvato il progetto preliminare per la realizzazione dell’impianto di depurazione a servizio di Tortoreto e Giulianova nord.

 

 

 

 

La delibera, sempre di consiglio comunale, di adozione del nuovo Piano Regolatore, con tutti gli atti precedenti e successivi. Atto che la localizzato nel dettaglio l’impianto, con una variante che ha anche ridotto la distanza minima dalle abitazioni, che era fissata in 100 metri. Per mesi, sulla vicenda era rimasto una sorta di silenzio, dopo la presenza “rumorosa” di alcuni residenti in consiglio comunale per protestare contro il progetto. Ora coloro che abitano a ridosso del futuro impianto hanno deciso di opporsi alla realizzazione dell’opera pubblica.

 

Ovviamente, l’ente si è costituito nel giudizio amministrativo ed è procinto di nominare il proprio legale.