Tortoreto, incidente Air Show: procura chiede archiviazione

La procura di Teramo chiede l’archiviazione dell’accusa a carico di Luigi Wilmo Franceschetti, indagato per omicidio colposo per l’incidente durante l’Air Show che si doveva tenere tra Tortoreto e Alba Adriatica.

Il sostituto procuratore Stefano Giovagnoni ha tirato le proprie conclusioni in merito allo scontro tra due Van’s RV8 nei cieli di Tortoreto il 31 maggio dello scorso anno. Conclusioni frutto di consulenze tecniche e che sposano quelle già avanzate dall’Agenzia Nazionale della Sicurezza del Volo.

In sostanza, secondo la procura, l’impatto tra i due velivoli sarebbe avvenuto per una manovra anomala compiuta da Marco Ricci, il 47enne pilota senese che ha perso la vita in seguito all’impatto. Lo stesso pm cita la relazione dell’Ansv nella sua richiesta di archiviazione, con riferimento alla dinamica dell’incidente e alle immagini registrate dalle telecamere poste all’interno della cabina del pilota. Ricci, poco prima della collisione, ha un atteggiamento passivo e non più vigile come pochi attimi prima, e non reagisce alla perdita di quota.

Il pilota senese era affetto da una malformazione cardiaca, non riscontrabile tramite il solo elettrocardiogramma come da prassi disposto ed eseguito. Secondo le risultanze dell’autopsia proprio quella malformazione avrebbe potuto portare alla morte Ricci in qualsiasi momento. Il pilota poi è morto per annegamento dopo aver accusato il malore.

Per questo il magistrato inquirente ha chiesto l’archiviazione, non ravvisando carenze nei soccorsi successivi e sottolineando la manovra di ammaraggio di Franceschetti, che ha preferito atterrare in acqua e rischiare la sua vita piuttosto che dirigersi verso la spiaggia piena di spettatori.