Tortoreto, il ponte in legno sul Salinello divorato da tarli (SERVIZIO/FOTO)

Inaugurato circa 17 anni fa, il ponte ciclopedonale in legno sul torrente Salinello è ormai ridotto ai minimi termini.

La scarsa manutenzione, l’azione del tempo e soprattutto dei tarli hanno ridotto le assi in una sostanza spugnosa e friabile. Un po’ come sta accadendo per il ponte ciclopedonale sul fiume Tordino. Mancano letteralmente pezzi interi di legno, soprattutto lungo la paratia est, in zona centrale della struttura. E sul lato Tortoreto le tavole della pavimentazione si stanno sgretolando.

Prima o poi cederanno se non si interverrà per tempo, con il rischio che qualcuno possa farsi seriamente male. La struttura, che collega i Comuni di Tortoreto e Giulianova, avrebbe bisogno di un intervento sostanzioso di ristrutturazione e manutenzione straordinaria, con la sostituzione di tutte le parti ormai danneggiate irrimediabilmente.

A fine 2016 la Regione ha stanziato una somma di 60mila euro per gli interventi. Poca roba per la verità. Servirebbe un intervento serio, e soprattutto una manutenzione costante per evitare che accada l’irreparabile, come già avvenuto per il ponticello del Vibrata che dovrà essere rifatto ex novo.