Tortoreto, consegnati i lavori per il nuovo depuratore: 5milioni per il primo lotto (SERVIZIO)

Sarà la ditta Suez trattamento acque, di Milano, a realizzare il primo lotto dei lavori per la costruzione del nuovo depuratore a Tortoreto.

Questa mattina nella sede della Ruzzo Reti, alla presenza del Governatore Luciano D’Alfonso e del presidente dell’azienda acquedottistica teramana Antonio Forlini, c’è stata la consegna delle opere. Un intervento atteso da anni, che le varie amministrazioni che si sono susseguite al governo della cittadina rivierasca hanno sempre sollecitato per far fronte all’annoso problema della carenza nel sistema di depurazione delle acque nere soprattutto in piena stagione estiva, con inevitabili ripercussioni negative sul territorio.

In più di una circostanza, purtroppo, si sono registrati sversamenti di sostanze fognarie nel torrente Salinello. La realizzazione del nuovo impianto di depurazione andrà a risolvere definitivamente la questione. Il progetto è stato diviso in due lotti. E per il primo step dalla Regione sono arrivati 5milioni di euro. Successivamente si procederà con il secondo blocco degli interventi. L’opera sorgerà in zona Salino, su un’area a ridosso del viadotto del Salinello.

Il Governatore D’Alfonso e il presidente Forlini hanno confermato che è stato inserito nel Masterplan per canalizzare i finanziamenti per l’ultimazione dei lavori. Entro un paio di anni al massimo tutto il nuovo impianto dovrebbe essere completato.

Nel frattempo, al termine del primo lotto delle opere, il moderno depuratore funzionerà assieme a quello esistente. Solo successivamente, quando anche l’ultima parte degli interventi sarà realizzata, si procederà con la dismissione del vecchio sistema di depurazione delle acque. Il secondo lotto dei lavori avrà un importo di circa 3milioni e mezzo di euro

Sarà in grado di soddisfare una capacità depurativa per una popolazione di 62mila abitanti. Circa 3 volte tanto l’attuale impianto, peraltro soggetto spesso ai problemi legati alle alluvioni. A stretto giro partiranno anche i lavori per il depuratore di Alba Adriatica/Villa Rosa. Inoltre sono previsti interventi per il miglioramento degli impianti di Teramo e Martinsicuro.

Intanto D’Alfonso ha posto l’accento sul fatto che per anni sul territorio non è stata fatta un’attenta politica contro il dissesto idrogeologico. L’attuale governo regionale ha stanziato nel complesso 12milioni di euro per far fronte a questa emergenza.