Alba Adriatica, vietato giocare a pallone nella zona Peep, Bambinopoli e Villa Flaiani: l’ordinanza

Alba Adriatica. In principio era piazza IV Novembre, ora il divieto viene esteso nella piazza pubblica della zona Peep, nella zona ovest della cittadina, e nei due principali parchi pubblici: la Bambinopoli e Villa Flaiani.

 

Tempi duri per i ragazzi che usano spazi all’aperto per giocare a calcio. Il sindaco di Alba Adriatica, Tonia Piccioni, nelle ultime ore ha licenziato una specifica ordinanza che vieta di giocare a calcio nelle tre aree pubbliche. E questo perché l’esuberanza dei calciatori in erba, si legge nell’ordinanza, “rischia di creare danni a cose e persone e crea fastidio a coloro che utilizzano i tre spazi pubblici per riposarsi e che stazionano nelle suddette zone per trascorrere in serenità parte della giornata”.

 

In passato il sindaco aveva dato efficacia ad un provvedimento analogo per piazza IV Novembre.

Ora identico provvedimento diventa efficace per una delle piazze della zona Peep, l’area della Bambinopoli comunale e il giardino della rinnovata Villa Flaiani.

Per le violazioni all’ordinanza sono previste sanzioni che vanno da 25 a 500 euro. Ovviamente, in caso di contestazione di infrazioni (si legge ancora nell’ordinanza) causate da minori, saranno chiamati a rispondere i genitori, così come il rischio potenziale di doversi accollare eventuali danni causati a cose del patrimonio pubblico.

 

” Compito dell’amministrazione”, sottolinea il sindaco nell’ordinanza, ” è quello di migliorare le condizioni di vivibilità dei centri urbani, la convivenza civile e la coesione sociale. Le piazza e i parchi rappresentano luoghi di confronto e aggregazione, ma non certo dove pratica il gioco del calcio.”: