Giulianova, la pittrice scomparsa è stata avvistata a Tortoreto

Una farmacista di Tortoreto avrebbe visto Renata Rapposelli, la pittrice di cui si sono perse le tracce il 9 ottobre scorso, proprio nel giorno della scomparsa. E’ quanto raccolto dalla trasmissione “Quarto Grado” di Rete4 che, questa sera, ha svelato la testimonianza raccolta nelle scorse ore anche dai carabinieri del reparto operativo di Teramo, diretti dal tenente colonnello Luigi Dellegrazie.

La farmacista avrebbe raccontato ai militari di aver servito Renata lungo la statale 16 intorno alle 17 del pomeriggio del giorno della scomparsa. Temporalmente l’avvistamento dunque sarebbe avvenuto dopo che l’ex marito, Giuseppe Santoleri, l’ha accompagnata in auto a Loreto, stando al racconto riferito dall’uomo agli inquirenti.

E’ una testimonianza come in verità diverse altre, tutte al vaglio della procura di Ancona che indaga sulla scomparsa della donna con la collaborazione dei militari di Teramo e Giulianova. A finire sul registro degli indagati Giuseppe e Simone Santoleri, rispettivamente ex marito e figlio della donna, con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. I carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche sono tornati ieri pomeriggio a Giulianova per ispezionare un locale che si trova dietro l’alloggio dei Santoleri.

Un sopralluogo andato avanti per oltre tre ore durante i quali i Ris hanno scattato foto, eseguito rilievi, fatto prelievi. Ma, a quanto appreso, sembra non sia stato trovato finora nulla di interessante.