Si autoinvita al matrimonio e disturba gli invitati, interviene la Polizia

matrimionioSan Benedetto. Matrimonio movimentato per una giovane coppia di Alba Adriatica. Laura e Andrea si sono sposati domenica scorsa nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, nel quartiere Ponterotto di San Benedetto. E fino a qui, nulla di strano. Di certo però non avrebbero mai immaginato che un giorno così importante potesse essere quasi rovinato da un 34enne di Giulianova.

L’uomo, ben vestito, è entrato nella chiesa di Santa Maria del Suffragio poco prima del sì. Forse alle prese con i postumi di una notte brava, alticcio e sotto l’apparente effetto di sostanze stupefacenti, ha iniziato ad importunare gli invitati, arrivando fino all’altare accanto al prete.

«Non stava fermo un attimo, camminava avanti ed indietro all’interno della chiesa – racconta Susanna Galantini, madre della sposa – Inizialmente abbiamo pensato ad uno scherzo degli amici di mio genero, poi abbiamo capito che non era così. Parlava in continuazione, diceva che aveva caldo, se non fosse intervenuta la polizia la cosa sarebbe finita male». Caso infatti ha voluto che il padre dello sposo fosse un ex maresciallo dei carabinieri in pensione. Resosi conto di quanto stava accadendo, ha chiamato la polizia. «Gli agenti lo hanno fermato all’ingresso della chiesa – continua a raccontare la madre della sposa – Il bello è che lui è rientrato da una porta di servizio, è andato fino in sacrestia e lì dentro ha gettato un pacchetto di sigarette».

Al suo interno, le forze dell’ordine, hanno rinvenuto tre grammi di cocaina. A quel punto gli agenti sono intervenuti in maniera più decisa e lo hanno portato via. Il 34enne è stato poi denunciato.