Agricoltura del domani. Vite e tecniche biodinamiche: convegno a Controguerra

Controguerra. Venerdì 15 febbraio (ore 17:00), l’Enoteca comunale di Controguerra sarà teatro dell’iniziativa dal titolo “Agricoltura del Domani: La Vite, adozione di tecniche Bio e Biodinamiche”.

 

Dopo aver inaugurato la programmazione delle iniziative del 2019 con la II Edizione del Format “Vignaioli di Professione”, continua la realizzazione di una serie di progetti tematici relativi all’agricoltura di eccellenza per le piante arboree nel settore vitivinicolo.

Tema di questa iniziativa l’adozione di tecniche Biologiche e Biodinamiche in Viticoltura. “Il nostro è un territorio ad elevata vocazione agricola”, sostiene il Vice Sindaco e assessore alle Città del Vino del Comune di Controguerra Fabrizio Di Bonaventura, “nel quale vengono individuate diverse produzioni di eccellenza, dove sono sempre più in evidenza i comparti olivicolo e vitivinicolo.

Lo scorso anno abbiamo dedicato molteplici iniziative di formazione dedicate al settore delle colture arboree, quest’anno vogliamo continuare questo percorso approfondendo specifiche tematiche quali un’agricoltura nel rispetto dell’ambiente e delle tradizioni rivolte all’ottenimento di un prodotto di elevata qualità ed eccellenza. A tal proposito mi preme sottolineare il rispetto dell’ambiente e del territorio, e proprio per questo motivo credo sia opportuno chiarire alcuni aspetti tecnici, normativi e comportamentali rispetto alle tecniche che vengono adottate in Viticoltura Biologica e Biodinamica.

Voglio ringraziare il Dottore in Agraria Francesco Massetti che ha accettato l’invito mio e del Sindaco Franco Carletta. Il relatore terrà questo convegno tematico mettendo a disposizione la sua competenza, professionalità ed esperienza di settore, permettendoci di proseguire il percorso che abbiamo iniziato da diverso tempo e messo in evidenza con l’ingresso all’interno dell’Associazione Nazionale delle Città Slow ed il conseguente inserimento nel circuito internazionale delle Città del Buon Vivere”. L’iniziativa è aperta al pubblico.