Alba Adriatica, pista ciclabile sul Vibrata: via libera alla perizia di variante

Alba Adriatica. Dall’Unione dei Comuni arriva l’ok all’approvazione della perizia di variante della pista ciclabile lungo il torrente Vibrata.

 

Contestualmente, i tecnici provvedono a completare l’opera di immissione in possesso di alcune porzioni di terreno, con il relativo picchettamento. Tutti tasselli mancanti di un mosaico che ora consentiranno di riprendere i lavori, collegare tra loro i tratti mancanti e completare il primo tratto di percorso ciclabile. Quello compreso tra la Statale 16 (Alba Adriatica) fino a Corropoli.

Nei giorni scorsi, infatti, l’Unione dei Comuni della Val Vibrata, ente che ha gestito tutte le fasi relative alla realizzazione del percorso per le due ruote (finanziato dalla Regione), ha definito alcuni aspetti di natura tecnica che ostacolavano, in concreto, il proseguimento dei lavori.

Dalla variante approvata dai sindaci dell’Unione alle pratiche di natura tecnica conseguenziali. Passaggio necessario, pur nel contesto di un’opera contestata, soprattutto per alcune criticità che si sono materializzate strada facendo, per completare il primo tratto. Sotto questo aspetto, dunque, alcuni mal di pancia dei mesi scorsi, sembrano essere stati appianati. Restano quelli di alcuni proprietari di aree, che in alcune circostanze hanno manifestato la volontà di fare un esposto.

Questa, però, è un’altra storia e sarà più nitida nelle prossime settimane. Al momento, con variante approvata e picchettamento completato, le modifiche al tracciato originario potranno trovare cittadinanza.