Alba Adriatica, via tutti i cassonetti per la raccolta degli abiti usati

Alba Adriatica. A mali estremi, estremi rimedi. Da oggi, su richiesta dell’amministrazione comunale di Alba Adriatica, sono stati rimossi i contenitori per la raccolta degli abiti e indumenti usati dislocati su tutto il territorio.

 

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, è stato l’episodio che si è verificato domenica, quando il contenuto di uno dei cassonetti di via Duca d’Aosta è stato rovesciato in strada. Forse per rovistare all’interno, lasciando il tutto però in bella mostra. E la cosa non era la prima volta che accadeva.

 

Anzi, nel corso degli ultimi mesi episodi della stessa natura si sono ripetuti con una certa costanza. L’ennesimo gesto di inciviltà è stato “sanato” dall’intervento del sindaco e del consigliere Di Giacomo, che hanno rimesso gli abiti nei cassonetti. Oggi, però, la decisione di chiedere alle associazioni che “gestiscono” i contenitori degli abiti usati di rimuoverli. E questo per stroncare la brutta abitudine.

 

Per quando concerne lo smaltimento degli abiti usati, la cosa potrà essere effettuata attraverso la Poliservice (a domicilio, una volta al mese) oppure utilizzando il centro di raccolta nella zona artigianale.