Albamici dice no all’organizzazione del carnevale: ma non ci sono contrasti con il Comune

Alba Adriatica. Nessun contrasto con l’amministrazione comunale, ma solo la scelta di non scendere più in campo, come fatto in tante occasioni negli ultimi lustri, nell’organizzazione del carnevale estivo.

 

Per quella che resta, numeri alla mano, la manifestazione più importante e attesa ad Alba Adriatica. A giorni, forse, sarà anche resa nota una nota sulla vicenda, ma Tonino Ferri, presidente di Albamici (associazione che ha animato per anni il carnevale), la sua decisione l’ha presa e già comunicata all’amministrazione comunale. Nel 2020 Albamici non organizzerà il carnevale estivo. E sotto questo aspetto, l’Ente si è già messo in moto per pianificare l’edizione di agosto, magari attraverso una collaborazione con tutte le associazioni che hanno animato le manifestazioni di fine anno. Su questo punto, ovviamente, bisognerà attendere eventi e sviluppi.

 

Di certo, sin da ora, Tonino Ferri ha ribadito che il disimpegno non è frutto di contrasti, ma di una oggettiva difficoltà dell’associazione di proseguire. Per varie ragioni: anche di natura logistica.

Poi anche la questione dei costumi, merita una specifica. “Le nostre creazioni, in passato”, specifica Ferri, ” sono state sempre distrutte e dunque la stessa cosa è accaduta per le collezioni del 2019. A livello cittadino non si è mai riusciti ad allestire un museo per i costumi di carnevale e rispetto al passato, nulla è cambiato”.

 



In questo articolo: