Colonnella, incidente sul lavoro. Cgil: serve maggiore cultura della sicurezza

Colonnella. “Quella di oggi non può essere la giornata delle ricostruzioni e delle responsabilità da attribuire.

 

Oggi ha senso solo stringersi attorno a quei familiari che non vedranno tornare a casa il proprio congiunto e che vivranno un dramma che andrà ben oltre i tempi della cronaca”.
E’ un passaggio di una nota diffusa della segreteria provinciale della Cgil dopo la tragedia sul lavoro che si è consumata ieri sera a Colonnella. Incidente nella quale ha perso la vita Giovanni Palestini, autotrasportatore 53enne di Grottammare.

“La CGIL da tempo ha assunto il tema della sicurezza sul lavoro come centrale in tutte le rivendicazioni ma, purtroppo, tutto questo non è abbastanza”, si legge ancora. “Continuano a mancare controlli, azioni volte a tutelare la salute dei lavoratori e continua a mancare la cultura della sicurezza che dovrebbe essere fondamentale in tutte le attività produttive. Le conseguenze di tutte queste mancanze sono cristallizzate nei dati, drammatici, delle vittime che quotidianamente perdono la vita sui posti di lavoro. Numeri più consoni ad un paese in guerra che ad un paese, che si dice civile, in tempo di pace.

 

Per invertire questa tendenza, anche per il rispetto dovuto a tutte le vittime a partire da quella di ieri, si dovrà rafforzare l’azione di tutti, Istituzioni in primis, con evidenti azioni di controllo e prevenzione, affinché non si debbano più piangere vittime del lavoro”.