Colonnella, strade provinciali “invase” dalla vegetazione: a rischio la sicurezza. FOTO

Colonnella. Vegetazione spontanea cresciuta a dismisura. Che “occupa” in parte la sede stradale con tutti i rischi legati alla sicurezza viaria.

 

E c’è anche qualche imprenditore, che per rendere visibili i cartelli delle rispettive aziende, si è armato di buona volontà per tagliare le canne che costeggiano la strada provinciale. E’ una situazione, quella segnalata dal Pd di Colonnella, che accomuna in questi giorni due importanti strade provinciali della vallata. La bonifica del Tronto e la S2 Martinsicuro-Villa Lempa.

Il lungo tratto della Bonifica del Tronto che va dall’abitato di San Giovanni di Colonnella fino ad oltre il bivio per Controguerra, le canne dell’argine del fiume sono diventate una giungla impenetrabile, hanno invaso la carreggiata restringendola, di fatto, al transito per un paio di metri.

 

“Percorrere quella strada è rischioso, circolare con un mezzo a due ruote diventa molto pericoloso, il rischio di essere investiti è altissimo perché manca la possibilità di circolare a bordo strada con il rischio di essere centrati da qualche automobilista o camionista”, si legge in una nota.

 

Alcuni privati titolari delle imprese si sono dovuti attrezzare autonomamente al taglio delle canne.  Non è certo questo il supporto che le imprese della zona industriale si aspettano dalle istituzioni.  Eppure, notizia di qualche giorno fa, la Regione Abruzzo ha stanziato la somma di cinquecentomila euro destinata al lo sfalcio dell’erba e manutenzione della viabilità per le quattro provincie abruzzesi.

Chiediamo al Presidente della Provincia Diego Di Bonaventura, più attenzione e immediati interventi per riportare le condizioni minime di sicurezza sulle due strade provinciali e quelle dell’intera Val Vibrata”.