Contributi per nuove imprese nei centri storici di Bellante e Ripattoni: il bando

Bellante. Pubblicato il bando per la concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di nuove imprese artigianali e commerciali nei centri storici di Bellante e Ripattoni.

 

A rendere noto la pubblicazione del bando (che si lega a tre diverse delibere della giunta comunale) è il sindaco, Giovanni Melchiorre.

 

Il Comune di Bellante, in attuazione del progetto avente ad oggetto “interventi per la riqualificazione sociale e culturale”, intende concedere un contributo a fondo perduto in favore di soggetti, di età compresa tra 18 e 40 anni, compiuti alla data del presente bando, che vogliono localizzare una nuova impresa, in qualsiasi forma, in ambito artigianale e commerciale, nelle località del centro storico di Bellante Capoluogo e Ripattoni (nello specifico nelle vie individuate nelle planimetrie allegate al bando COLORATE IN GIALLO).

 

Possono presentare la domanda di contributo al Comune di Bellante, a mezzo raccomandata a/r, mediante posta elettronica certificata all’indirizzo territorio@pec.comune.bellante.te.it, o consegna a mano presso l’Ufficio Protocollo, gli aspiranti imprenditori che, alla data di pubblicazione del presente bando, abbiano compiuto 18 anni e non abbiano compiuto i 40 anni e che intendano aprire o trasferire una micro-impresa (meno di 10 dipendenti e meno di €. 2.000.000,00 di fatturato) nel Comune di Bellante.

 

La domanda, redatta in carta semplice, deve essere trasmessa entro e non oltre il 02/09/2019. Si considerano prodotte in tempo utile le domande spedite a mezzo raccomandata entro il termine di cui sopra. Il contributo a fondo perduto per ciascun beneficiario ammonta ad €. 10.000,00.

 

“Anche grazie a bandi ed iniziative come questa puntiamo a rilanciare i centri storici di Bellante e Ripattoni – sottolinea il primo cittadino, Giovanni Melchiorre – l’obiettivo è duplice: riportare attività produttive nel cuore del nostro territorio, possibilmente creando occupazione al loro interno, e ridare vita a spazi e luoghi che purtroppo hanno visto, negli anni, tante attività abbassare le saracinesche. Puntiamo così a ripartire dai giovani, dalla loro voglia di fare impresa, dalla riscoperta di antichi mestieri e, magari, da nuovi servizi di ristorazione, dalla voglia di rilanciare le parti più importanti e al tempo stesso più fragili del nostro territorio”.

 

SCARICA IL BANDO

 

BANDO