Coronavirus, decesso fantasma di Castellalto. La Asl: “Nostro errore”

In principio è stato il sindaco di Castellalto, Vincenzo Di Marco, a chiedere alla Asl di Teramo di rettificare in merito al bollettino di due giorni fa in cui era stato imputato il decesso di una donna al coronavirus. 

Per questo “in merito alla scomparsa della signora di Castellalto, la ASL di Teramo, unendosi al sindaco Vincenzo Di Marco nelle condoglianze alla famiglia, precisa nuovamente che la signora non era positiva al tampone per la rilevazione del Covid-19 e dunque è stata inserita nel novero dei decessi da coronavirus per errore – sottolinea l’azienda sanitaria – Questo per tranquillizzare quanti fossero stati in contatto stretto con la signora nei giorni precedenti il ricovero, ribadendo comunque la necessità di rimanere a casa e mantenere sempre le distanze di sicurezza”.

E ancora: “Consci del fatto che oggi ogni errore può essere di grande impatto sociale, speriamo nella comprensione, da parte di cittadini e Istituzioni, dello sforzo organizzativo e operativo che la ASL è chiamata a compiere insieme a tutte le forze del territorio, e teniamo a difendere l’operato di tutti coloro che, ogni giorno, continuano a lavorare in questa azienda sanitaria, sottoposti a carichi di lavoro straordinari, mettendo a disposizione competenze e professionalità senza orari e senza tirarsi mai indietro”.