Giulianova, irregolarità e carenze igieniche: i carabinieri “chiudono” il Riviera Beach

Giulianova. E’ stato chiuso e multato il Riviera Beach, il locale della movida giuliese. Un’operazione eseguita dalla Compagnia dei Carabinieri di Giulianova, coadiuvati dal personale specializzato dei Carabinieri del NAS di Pescara e di quelli dell’Ispettorato del Lavoro di Teramo, a cui si è aggiunto personale della Polizia Locale, dei Vigili del Fuoco di Teramo e dell’ASL di Teramo

Una verifica, avvenuta ieri pomeriggio, nello stabilimento balneare giuliese al fine di arginare il fenomeno del consumo di sostanze alcoliche da parte di minori, nonché per prevenire e contrastare le violazioni alla normativa di settore attinente gli esercizi commerciali, in particolare quelli che somministrano al pubblico alimenti e bevande.

Numerose le irregolarità accertate, dal lavoro in nero a gravi inadempienze sulla sicurezza degli impianti, dalle carenze igienico – sanitarie alla mal conservazione di bevande ed alimenti, fino addirittura all’abusivismo edilizio.

In particolare sono stati individuati due lavoratori in nero, pertanto ai gestori dello chalet è stata comminata una sanzione di 7.200 euro. Inoltre lo stabilimento balneare era dotato di un impianto di videosorvegliana che non era stato preventivamente autorizzato dall’Ispettorato del Lavoro di Teramo, come prevede la normativa vigente in materia.

éer quanto attiene la sicurezza sugli ambienti di lavoro, lo chalet era privo di estintori e, cosa ancor più grave, gli impianti elettrici erano fuori norma. Quel che ha destato maggior preoccupazione nei militari sono stati, infatti, alcuni ombrelloni posizionati a macchia di leopardo sulla spiaggia, sotto i quali erano stati posti i registratori di cassa ed i frigoriferi per le bevande, alimentati da cavi elettrici volanti o, addirittura, sotterrati nella sabbia. Qui gli addetti dello chalet, poi, somministravano ai bagnanti bevande e cocktail nonostante la manipolazione delle bevande stesse si potesse fare solo nel locale bar.

Sono state individuate anche delle strutture che sarebbero state realizzate senza autorizzate come delle platee in legno attorno agli ombrelloni adibiti, in spiaggia, a minibar, nonché un soppalco, sempre in legno, per l’esibizione dei DJ.

In merito alle carenze igienico – sanitarie accertate, infine, i Carabinieri hanno trovato una rilevante quantità di bevande immagazzinate nelle cabine – spogliatoi anziché in idonei magazzini, mentre in un frigo posizionato sul retro del bar, abusivamente adibito anche ad attività di ristorazione, gli alimenti, in particolare carne, pesce, riso, pasta, mozzarelle ecc.) erano conservati in modo promiscuo e non regolarmente etichettati, venendo così meno la necessaria tracciabilità degli stessi. Nel locale adibito a somministrazione e cucina, infine, sono stati trovati insetti infestanti e materiale non pertinente all’attività.

Tutte le violazioni, pertanto, ai sensi della normativa vigente in materia hanno determinato, da parte dell’ASL di Teramo, la sospensione dell’attività dello chalet, che verrà ripristinata solo quando i gestori si saranno adeguati alle prescrizioni imposte dalle autorità competenti.

Foto dal profilo Facebook dello stabilimento Riviera Beach