Giulianova, parcheggi a pagamento: oltre il danno la beffa

parcheggi pagamento giulianova

Gli strani ‘comportamenti’ dei parchimetri a Giulianova (non danno resto, non accettano carta, e “mangiano le ore in eccesso”) sollevano parecchie lamentele tra turisti e cittadini, ecco cosa è successo ad un nostro lettore che ci ha scritto per segnalare l’accaduto.

Il danno:

Il pagamento dei parcheggi avviene con moneta, ma le macchinette  – come è indicato sulle stesse – non danno resto. Inoltre (NDR) non è neanche possibile pagare con carta, contravvenendo la norma compresa nel pacchetto di stabilità del 2016, che precisa come A decorrere dal 1° luglio 2016 i Comuni sono tenuti ad abilitare i parcometri con la presenza del bancomat, della Carta di Credito o Carte di Debito, “fatta salva un’impossibilità tecnica”.

Ed è così che spesso molte persone e molti turisti non avendo sempre moneta “di giusto taglio” necessaria solo per il tempo occorrente, debbano pagare per minutaggi extra in quanto appunto la macchinetta non dà resto…. Molti si ritrovano a pagare ad es. 2 euro anche se necessitavano di solo 30 minuti….

La beffa:

Sempre relativamente al credito in eccesso le macchinette sembrano quasi prenderci in giro in quanto non indicano chiaramente come le monete in più non vadano ad aumentare il tempo di sosta ma siano semplicemente “mangiate”.

Come si può vedere dalla foto dello scontrino pervenuto in redazione, queste riportano chiaramente:

  • CONTANTE VERSATO:                    2 €
  • IMPORTO TRANSAZIONE:             1 €
  • RESTO:                                              0 €
  • ORA INIZIO:                                     20.59
  • SCADENZA:                                      21.59

A questo punto ci si chiede: “capisco che la macchinetta non da resto, capisco che non accetti i pagamenti elettronici, capisco che non mi fai una ricevuta per poter ritirare il resto il giorno seguente (come avviene per i distributori di sigarette), ma almeno permettimi di usufruire di tutto il “tempo acquistato”!!! Nel caso specifico infatti l’utente avrebbe diritto di 1 ora di parcheggio l’indomani mattina!

Ma facciamo un esempio pratico:

Un turista arriva a Giulianova alle 21, parcheggia sul lungomare centrale per alloggiare in uno dei tanti Hotel, e sa già che ripartirà l’indomani alle 10. Vuole lasciare l’auto nel parcheggio a pagamento, e si reca presso il parchimetro più vicino, inserisce 2 euro pensando che acquisterà 1 ora in serata, dalle 21 alle 22, (dalle 22 in poi i parcheggi non si pagano) ed 1 ora la mattina seguente dalle 9.00 alle 10.00.

E invece la beffa: Il parchimetro non da resto, e non ti accredita la sosta per la giornata seguente.

Invitiamo la nuova amministrazione di porre rimedio al più presto al problema prima che tanti turisti siano “raggirati” da questo scorretto meccanismo di funzionamento dei parchimetri.