Goletta Verde: grazie al Contratto di fiume, la foce del Cerrano non è tra i siti fortemente inquinati

Ieri, presso la Torre di Cerrano, è stata presentata la sintesi del monitoraggio svolto lungo le coste abruzzesi dall’equipe tecnica di Goletta Verde sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane. Degli otto punti monitorati in Abruzzo, tre sono risultati fortemente inquinati.

 

“Vogliamo condividere con voi un dato positivo: il prelievo a Silvi Marina, alla foce del Cerrano, risulta “entro i limiti”. Un risultato in controtendenza rispetto allo scorso anno, in cui la foce del torrente risultava fortemente inquinata”. Si legge in una nota postata su Facebook dall’Area Marina Protetta Torre di Cerrano.

“L’AMP è particolarmente soddisfatta di questo dato, che fa ben sperare di aver intrapreso la giusta strada nella tutela delle acque di fiume, con diverse iniziative a protezione dei corsi d’acqua dell’entroterra che sfociano nel nostro mare.

Tra queste, vogliamo ricordare il Contratto di fiume del Cerrano, per una gestione sostenibile e condivisa dei corsi Cerrano, Calvano, Foggetta e Concio, in collaborazione con ACA, Arta Abruzzo​, Ruzzo, Istituto Zooprofilattico Sperimentale Abruzzo e Molise “G. Caporale” Teramo​ e gli Enti Territoriali.

Per proteggere il mare, bisogna proteggere anche l’entroterra delle nostre belle Terre del Cerrano”.