Martinsicuro, blitz nel condominio dello spaccio: in manette marito e moglie

Martinsicuro. Blitz dei carabinieri nel condominio dello spaccio. Al termine di una serie di attività di appostamenti i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale, in collaborazione con i carabinieri della stazione di Martinsicuro, hanno arrestato una coppia di rom, marito e moglie (M.D.G. di 46 anni e M.R. di 45).

 

I carabinieri, che ritengono di aver fiaccato uno dei punti di spaccio sulla piazza di Martinsicuro, hanno anche sequestrato quasi mezzo chilo di stupefacente e alcune migliaia di euro in contanti.

L’operazione dei militari è stata pianificata nei giorni scorsi, dopo aver notato la presenza a ridosso dell’edificio residenziale, abitato da diverse famiglie di etnia rom, di una serie di tossici in arrivo da Alba Adriatica e dalla vicina provincia di Ascoli.

I carabinieri hanno deciso di bloccare e perquisire, a debita distanza dal condominio, alcuni giovani trovati in possesso di dosi di eroina nascoste negli slip.

 

A quel punto è scattato il blitz vero e proprio in casa dei coniugi, dove nel frattempo c’erano ancora clienti in attesa di ritirare la polvere bianca. La donna si occupava di confezionare lo stupefacente, mentre il marito controllava l’esterno dell’appartamento.

All’arrivo dei carabinieri, in casa, si è generato anche un piccolo trambusto, con la donna che con urli e spintoni ha cercato di evitare la perquisizione e poi cercando di nascondere il marsupio che portava in vita. Tutto inutile, ovviamente. Dopo aver “riportato” la calma i carabinieri hanno effettuato la perquisizione domiciliare e personale.

Complessivamente, sono stati sequestrati 410 grammi di eroina e 20 di cocaina, oltre a 3400 euro in contanti. Parte dello stupefacente e dei soldi erano nascosti proprio nel marsupio che la donna ha cercato di occultare. Dopo le formalità di rito, la moglie è stata condotta nel carcere di Castrogno mentre il marito è stato ammesso alla detenzione domiciliare.