“Perchè non rinnovare la fiducia?”: anche Castellalto appoggia Ruzzo Reti targata Cognitti

Castellalto.”In qualità di Sindaco di Castellalto mi unisco all’apprezzamento corale dimostrato da altri sindaci al Consiglio di amministrazione del Ruzzo, per evidenziare che questa governance si è contraddistinta per trasparenza di informazioni diffuse alla popolazione, per buone pratiche economiche (come le transazioni dei debiti verso i Comuni soci), ma anche per investimenti e politiche di sviluppo della rete di infrastrutture dell’azienda”. Ad esordire così in una nota stampa, il primo cittadino, Vincenzo Di Marco che si unisce a tutti gli altri Sindaci che stanno apertamente facendo conoscere la propria posizione nei confronti del Cda della Ruzzo Reti, che si rinnoverà tra qualche giorno.

“Un approccio di trasparenza e lungimiranza gestionale che gran parte dei sindaci hanno apprezzato. Perché dunque non rinnovare la fiducia a chi ha teso sempre l’orecchio ascoltando noi amministratori? Appare incomprensibile, alla viglia dell’assemblea dei soci, appiattire il dibattito su questioni strumentali e incancrenite perdendo di vista quello che è importante per i cittadini: cioè l’acqua destinata alla popolazione. Non possiamo perdere di vista la centralità di tutto questo e l’opera di risanamento portata avanti con brillanti risultati dal presidente Alessia Cognitti e dall’intero Cda. Puntare il dito ancora oggi sui costi dei consumi dell’acqua e dei servizi collegandoli a presunti eccessi di assunzioni non è corretto, perché tutto questo non è certamente imputabile a Cognitti, Forlini e Grotta, che invece hanno messo al riparo l’azienda acquedottistica dal rischio di un dissesto economico”.

“Auspico quindi”, conclude la nota, “che su questo tema cessino le strumentalizzazioni politiche a favore di un’assunzione di responsabilità. La stessa responsabilità che si è caricata sulle spalle il Cda uscente supportato da più di 30 sindaci, al quale ritengo di dover rinnovare fiducia incondizionata”