Pietracamela, vandali imbrattano il rifugio diruto ai Prati di Tivo FOTO

A notarlo è stato Paolo De Luca, maestro di sci ed accompagnatore di media montagna. Nelle scorse ore ignoti hanno imbrattato il rifugio diruto di Prati di Tivo.

“E’ un gesto di inciviltà che mi fa riflettere e mi induce a pensare che se il rifugio diruto fosse stato regolarmente aperto al pubblico, sicuramente non si sarebbe verificato questo increscioso episodio – sottolinea De Luca – La struttura, che non è mai stata completata, fu costruita tra il 1930 e il 1935, ha una superficie di 400 metri quadri disposta su due piani più il sottotetto, nel cuore del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, sorge in località Arapietra in un tratto pianeggiante a quota 1900 mt sul versante Orientale del Gran Sasso, nel territorio del Comune di Pietracamela, Ente che ne detiene la proprietà. Il rifugio diruto, a mio avviso il più bello dell’Appennino, offre uno straordinario paesaggio esterno che guarda verso il Corno Grande e Corno Piccolo, il monte Brancastello, il monte Prena, il monte Camicia, l’Intermesoli, i monti della Laga, la valle del Vomano fino al mare Adriatico nel tratto compreso fra San Benedetto del Tronto e Pescara”.

Il rifugio offre un punto di riparo per poter effettuare scalate alle vette dei monti elencati e la sua posizione è sempre esposta al sole ogni giorno dell’anno, in condizioni di cielo sereno.

“Questa del rifugio diruto è una grande opera incompiuta: dal profondo del cuore mi auguro che arrivino proposte di completamento e riutilizzo da parte di imprenditori motivati”. E adesso anche qualcuno che possa eliminare il gesto di inciviltà.