Ponte sul Vomano, i sindaci di Castellalto e Cellino diffidano la Provincia: subito la nuova gara d’appalto

Teramo. Una diffida alla Provincia (presidente, consiglieri e struttura tecnica) ad attivare tutte le procedure necessarie per indire la nuova gara di appalto per il ponte sul Vomano.

 

E di riflesso la richiesta alla Regione di assicurare unaproroga tecnica per l’erogazione del finanziamento, in scadenza il prossimo 31 dicembre, che in caso contrario sarebbe dirottato per realizzare altre opere pubbliche in provincia, peraltro già individuate.

 

E’ il contenuto di una lettera diffida che i sindaci di Castellalto (Vincenzo Di Marco) e Cellino Attanasio (Giuseppe Del Papa). Nella nota, i due sindaci ripercorrono i vari passaggi della vicenda. Dall’istanza di recesso della ditta che si era aggiudicata l’appalto, ma anche il fatto che con l’approssimarsi della fine dell’anno (“nonostante le rassicurazioni), non sono stati mossi passi ufficiali per chiedere alla Regione una deroga, congrua nella tempistica, così come non è stato ancora licenziato il bando per una nuova gara utile per realizzare il ponte sul Vomano.

 

I due Comuni chiedono, dunque, al Presidente della Provincia di attivarsi in tempi rapidi, per scongiurare il rischio delle perdita del finanziamento. Nella diffida i due amministratori chiedono alla Provincia e alla Regione di porre in essere tutte le procedure necessarie per rimettere in moto il processo utile per realizzare l’opera pubblica. “Qualora l’opera non dovesse essere realizzata”, si legge ancora, ” i sindaci di Castellalto e Cellino si faranno promotori delle procedure necessarie per accertare eventuali danni erariali e civili e, se nel caso, penali e a sollecitare la condanna dei responsabili”.