Roseto, a breve la gara per la gestione del campo Fonte dell’Olmo

Roseto. Il Comune di Roseto ha varato il disciplinare di gara per l’affidamento in concessione dell’impianto sportivo del campo di Fonte dell’Olmo.

Il disciplinare verrà adesso inviato dagli uffici tecnici all’Asmel (Associazione per la Sussidiarietà e la modernizzazione degli enti locali) che provvederà materialmente a espletare la gara. La concessione avrà durata di dieci anni a decorrere dalla data di sottoscrizione della convenzione che verrà stipulata tra le parti a seguito dell’aggiudicazione in concessione. Per la stessa non è previsto il tacito rinnovo, ma l’istanza di rinnovo dovrà essere presentata almeno novanta giorni prima della scadenza dell’affidamento, senza che ciò comporti alcun vincolo per il Comune. E’ ammessa la durata in concessione fino ad un massimo di 20 anni qualora l’offerta sia corredata da un progetto pluriennale di massima delle manutenzioni straordinarie e degli interventi migliorativi dell’impianto da realizzarsi direttamente dal concessionario con oneri a suo carico.

Il concessionario sarà tenuto a sostenere tutte le spese relative ai consumi di acqua, energia elettrica e gas, sarà tenuto ancora a provvedere alla manutenzione ordinaria e del terreno di gioco, a garantire la pulizia dei locali e a garantire l’apertura, anche domenicale, in caso di manifestazioni promosse o patrocinate dall’amministrazione comunale. L’impianto sarà messo a bando per un importo a base d’asta di 3900 euro più iva all’anno.

Soddisfatto si è detto il sindaco Sabatino Di Girolamo che così ha commentato: “Con questo passaggio diamo finalmente la possibilità di sfruttare al meglio un impianto importante di Roseto che peraltro in questo momento è un vero e proprio gioiellino visto che è stato interessato dal completamento dei lavori di riqualificazione e messa a norma compiuti dall’amministrazione. Peraltro con l’affidamento in concessione diamo anche la possibilità di prevedere per quell’impianto non solo un uso sportivo, ma anche di intrattenimento visto che sarà possibile ospitare concerti e altre manifestazioni pubbliche”.

Un aspetto non da poco conto è stato infine messo in evidenza anche dal consigliere delegato allo Sport Marco Angelini che ha dichiarato come questo bando sia solo il primo tassello di un serie di bandi finalizzati a sfruttare al meglio gli impianti esistenti sul territorio e ampliarne le possibilità di sviluppo. “Oltre alle finalità, sicuramente qualificanti per la città, non va tralasciato l’aspetto economico visto che questa operazione servirà anche a sgravare il Comune dai costi che sostiene annualmente per le utenze e le manutenzioni sicuramente gravosi. Risparmi che potranno così essere reinvestiti per il settore dello sport e per sostenere le associazioni e più in generale per la città”.