Roseto, madre e figlio costretti a vivere in una baracca sul lungomare

Roseto. Da diversi mesi, nonostante il freddo invernale e il maltempo degli ultimi giorni, una madre e suo figlio appena maggiorenne vivono in una baracca sul lungomare nord della cittadina di Roseto.

Lo ha denunciato lo Sportello Sociale Usb di Teramo che, dopo alcune segnalazioni, ha preso in carico il caso.

“Sapevamo che la situazione in questione fosse seria e complessa, ma mai avremmo potuto immaginare così tanto al limite. Davanti ai nostri occhi si è presentata infatti una condizione insostenibile, una storia di totale abbandono da parte di tutti e tutto. Per prima cosa abbiamo ritenuto opportuno contattare l’amministrazione comunale per informarla circa la gravissima e disumana condizione dei due. Il sindaco, nella giornata di lunedì 29 aprile, ci ha ricevuto e garantito un’immediata soluzione per il giovedì successivo attraverso l’intervento degli assistenti sociali del comune. Tale decisione è stata rinviata a domani lunedì 6 maggio.

Se una soluzione non sarà trovato, l’Unione Sindacali di Base è pronta alla mobilitazione il prossimo 11 maggio, invitando i rosetani a non restare indiffrenti di fronte ad una vicenda così difficile e triste.

 



In questo articolo: