Roseto, Villa Comunale ancora chiusa al pubblico, aperti solo i giardini. Ritardi nei lavori di ristrutturazione

Ancora un’estate con la Villa Comunale di Roseto chiusa al pubblico. In attesa dell’approvazione della variante in corso d’opera per i lavori di recupero e ristrutturazione e di messa in sicurezza della zona del sottotetto, l’edificio, che racconta una storia ultrasecolare, non potrà accogliere eventi, né turisti, né residenti.

Gli interventi, iniziati ormai da circa due anni, non sono stati purtroppo ultimati in attesa che venisse elaborata la variante dopo le indicazioni giunte dai tecnici progettisti in merito allo stato di conservazione del sottotetto. Una situazione per alcuni inaspettata, per altri frutto di una negligenza durante la prima fase di progettazione perché non si è tenuto conto delle reali condizioni della parte alta della Villa.

La variante è pronta e deve essere approvata. Il progetto di recupero di uno dei luoghi simbolo della cultura rosetana è stato finanziato con oltre un milione e 100mila euro. Somma non più sufficiente per completare l’opera. Servirebbero altri 400mila euro per la ristrutturazione completa. Un anno fa circa è stata eseguita una perizia di variante per una serie di interventi che appunto non erano previsti.

Tra questi, oltre alla situazione del tetto e della zona sottostante, anche la revisione nella distribuzione di alcuni locali dopo il rinvenimento di un affresco di pregio, la realizzazione di solette in cemento armato a seguito di avvallamenti e distacchi perimetrali al piano rialzato. La Villa Comunale di Roseto in passato ha ospitato eventi di grande spessore culturale.

Nella zona retrostante, all’aperto, un tempo avvenivano proiezioni di film nell’ambito dell’appuntamento Roseto Opera Prima. Non ci sono altri luoghi in grado di svolgere ad oggi il compito che un tempo è stato della Villa Comunale.

Alcuni eventi vengono accolti al Palazzo del Mare, soprattutto dopo la chiusura del Cinema Odeon. Altri in strutture private. Ad oggi, l’unica magra consolazione è che quanto meno i giardini della Villa, che ospitano uno degli eucalipti più longevi presenti sul territorio comunale, restano aperti al pubblico.