Sant’Omero, gli scarichi sospetti nel Salinello. La segnalazione FOTO

“Diversi cittadini ci hanno segnalato il grave inquinamento del fiume Salinello, difatti oltre al rischio che detto corso d’acqua possa inondare la zona industriale di Poggio Morello; molto grave è l’inquinamento che porta con sé verso il vicino mare Adriatico, inquinamento composto da percolato che raccoglie da un suo emissario a poche centinaia di metri dalla discarica “Ficcadenti” nei pressi del bivio per Case Alte”.

 

A segnalare la cosa è il Comitato Punto e Accapo, che ha già effettuato un sopralluogo nella zona in questione con il comandante della polizia locale di Sant’Omero.

 

“Qualche mese fa su incarico del comune di Sant’Omero”, si legge ancora, ” sono stati ripuliti i canali di scolo lungo la provinciale 8, deviando le acque su un formale che scarica direttamente nel fiume Salinello.

Di questi giorni è la segnalazione che detto formale non immette acqua nel fiume, bensì percolato puzzolente e chissà quali altri veleni.

Immediatamente il Comitato si è attivato, ha segnalato la grave situazione al comandante della polizia locale di Sant’Omero ed ha con quest’ultimo effettuato un sopralluogo, ma a sorpresa si è costatata un’altra cruda realtà. A pochi metri da dove sfocia il formale inquinato vi sono captazioni d’acqua per irrigare campi coltivati ad ortaggi.

Tutta la valle de Salinello viene coltivata, per la gran parte da colture biologiche, irrigate mediante captazioni d’acqua dal fiume o da pozzi che raccolgono acqua di falda, i prodotti vengono venduti a km zero, quindi direttamente sul posto o vengono direttamente consumati dai coltivatori stessi.

 

Gli interrogativi. Come mai vengono date le concessioni di captazioni d’acqua dal fiume se questo è inquinato?

Come mai nessun ente esamina l’acqua dei pozzi utilizzati per irrigare?

Perché l’ente di controllo della balneazione dell’adriatico non controlla lo stato d’inquinamento dei fiumi che in questo mare sfociano?

Quale competenza ha il comune di Sant’Omero sulla strada provinciale, tanto da ordinare la pulizia e l’apertura di un corso d’acqua che poi si riempie di percolato?

Il Comitato pone anche dei quesiti precisi al sindaco Andrea Luzii.