“Scordella vuole ridefinire il territorio dunale dell’Amp”: Pineto Partecipattiva si allarma

“Il sindaco di Silvi Andrea Scordella, intende promuovere un tavolo con AMP e Guardia Costiera per ridefinire il territorio dunale prendendosela con un fantomatico “radicalismo ambientalista” che entrerebbe in conflitto con le esigenze economiche di operatori e balneatori. Come movimento civico pinetese ci chiediamo in che modo si intenda ri-perimetrare le zone ma soprattutto se ci si è davvero interrogati sulla loro valenza strategica ai fini del mantenimento della spiaggia”. Così Marta Illuminati, consigliera comunale del movimento civico Pineto Partecipattiva, dopo aver appreso l’intezione del Sindaco di Silvi.

“Sono passati pochi giorni dalle ultime mareggiate che hanno devastato larga parte della costa teramana e che hanno colpito duramente anche il territorio di Pineto. Eppure in zona AMP, proprio in corrispondenza dei tratti dunali, il danno dell’erosione è stato minimo come hanno ricordato e dimostrato i vertici tecnici dell’ente oltre che le associazioni ambientaliste.

Peraltro il Parco marino è tale in quanto sito d’interesse comunitario definito “di dune basse e sabbiose” come tratto caratteristico dell’eco-sistema che insiste in quell’area.

Il sindaco leghista di Silvi, abituato alle ruspe di Salvini, vorrà forse spianare le dune?”.

“Noi ci opponiamo”, insiste Illuminati, “e chiederemo con forza che il comune di Pineto difenda l’assetto naturalistico del parco per quello che ha apportato fino ad oggi come risorsa e potenzialità del nostro territorio”.