Silvi, il progetto della pista ciclabile cambierà volto alla città. Le minoranze: “Piano da azzerare”

Silvi. Azzerare il progetto e rivederlo in ottica condivisa e partecipata. Sarà questa la richiesta che la minoranza farà al Consiglio Comunale.

“Proporremo alternative e progettualità che realmente cambierebbero il volto della città” fa sapere il Capogruppo Democratici per Silvi Vito Partipilo. “L’attuale progetto definitivo non fa altro che peggiorare l’aspetto, la vivibilità cittadina e commerciale della città e pertanto chiederemo di adottare scelte, oltre che condivise e partecipate, che possano rendere la nostra città più accogliente e bella” aggiunge Rocchio. “In quest’ottica, due anni fa, abbiamo fatto in modo che il finanziamento fosse erogato. Basta recarsi a poche centinaia di chilometri da noi, come ad esempio Riccione, per rendersi conto di come sia stata rivista in toto la progettualità del lungomare, molto simile, urbanisticamente al nostro, ovvero con case e alberghi sul mare; e’ arrivata l’ora di pensare all’interramento dei parcheggi, e non a caso due piazze, oggi utilizzate, solo ed esclusivamente per quella funzione, potrebbero essere utilizzate con lo scopo di interrare, riqualificare le stesse, decongestionare la strada e far prendere il posto dei parcheggi alla ciclabile, lasciando intatta la passeggiata, le aiuole e il verde cittadino, tutte caratteristiche peculiari del nostro lungomare. Oppure”; incalza ancora Rocchio, “andare nella vicina Francavilla, anch’essa per lunghi tratti con similitudini urbanistiche alle nostre, per verificare la fattibilità alternativa. Anche se l’occasione di riqualificare il nostro lungomare, l’idea di città che si presenta è forse unica. Sono passati due anni, e persi altrettanti, tra commissario prima e nuova amministrazione dopo, dietro una progettazione non condivisa, non qualificante, riqualificante”.

“E’ arrivato il momento di rivedere e progettare l’idea della nostra città con i cittadini” chiosa Partipilo. “Per questo abbiamo chiesto il Consiglio Comunale aperto, in cui tutti potranno dare il proprio contributo di visione, di progettualità e di partecipazione ad una scelta importante e unica per Silvi. Proporremo e metteremo al voto le nostre due proposte a modelli vincenti”