Silvi, nuovo divieto di balneazione: questa volta nella zona antistante via Colombo

divieto silvi

Silvi. Dopo l’ordinanza del 23 agosto con cui si disponeva la chiusura di un tratto di spiaggia perchè l’acqua del mare era risultata contaminata e dopo la parziale revoca della stessa, è di ieri la notizia di un nuovo divieto di balneazione a Silvi.

Secondo quanto appreso dal consigliere d’opposizione Vito Partipilo, che sulla sua pagina Facebook ha pubblicato l’ordinanza, il nuovo divieto di balneazione interesserebbe la zona antistante via Colombo a Silvi.

Nell’ordinanza si legge che il 26 agosto l’Arta ha rinnovato i prelievi sui campionamenti di acqua di balneazione da cui è emersa la non conformità: a contaminare l’acqua, di nuovo il batterio Escherichia Coli, in presenza massiccia rispetto ai valori limite.

L’argomento è stato tema di accesa discussione anche nell’ultimo consiglio comunale tenutosi proprio il 26 agosto. “Il Sindaco, dopo aver riempito di insulti in consiglio Comunale il sottoscritto e l’opposizione, scriveva che ‘compreso i dati fino ad oggi 26 Agosto…il mare e’ sempre stato balneabile’. E’ di oggi la nuova ordinanza di divieto di balneazione per valori di 4 volte superiori a quelli consentiti”, scrive Partipilo sulla sua pagina Facebook. “Chiedere scusa alla cittadinanza e a noi, sarebbe il minimo. Ci accontentiamo di una seria presa d’atto del problema e di una immediata soluzione. Constatiamo ancora una volta che avevamo ragione noi e che e’ sempre piu’ inadeguato a ricoprire il ruolo di primo cittadino!”.

Nell’ultimo consiglio comunale, non si è sentito accusato solo il consigliere di minoranza Vito Partipilo, ma anche il M5S che siede al suo fianco. “Al sindaco che ha ripetuto più volte che la minoranza getta “m***a su Silvi”, abbiamo risposto dimostrando che il nostro intervento tramite la senatrice Carmela Grippa in Commissione Trasporti al Senato, ha aiutato Silvi a riaprire il progetto sull’area del terzo binario. Abbiamo evidenziato che quando serve al bene di Silvi, il M5S si adopera per risolvere i problemi ma che neanche una parola è stata spesa per riconoscere questo supporto se non avessimo chiesto un riscontro in Consiglio. Più facile dire che siamo “distruttivi” e “squallidi” (parole testuali) senza guardare ai fatti. La spaccatura della maggioranza è ormai evidente ed ha trovato il culmine quando insieme alla volontà della minoranza, le assenze, le astensioni e la contrarietà su sciocche prese di posizione, hanno messo a tacere il Vicesindaco sulla mozione per l’area cani proposta dalla Consigliera Di Francesco che ci trovava pienamente in sintonia. E se l’opposizione a loro sembra inutile lo è ancor di più una maggioranza che tenta di respingere proposte di buon senso”