Silvi, polemica sui parcheggi a pagamento. La replica del Comune: “Provvedimento necessario”

Silvi. Dopo la polemica sollevata dai consiglieri di minoranza sulla presunta illegittimità dei parcheggi a pagamento, è arrivata la replica da parte del Comune: “non siamo sorpresi del polverone che alcuni consiglieri di opposizione stanno alzando sulla vicenda della istituzione dei parcheggi a pagamento – ha detto il sindaco Andrea Scordella -. Siamo abituati a vederli alzare gli scudi, solo per partito preso, prima che inizi la battaglia”.

“Comprendiamo, viceversa, le perplessità di alcuni cittadini di fronte a questa che rappresenta una novità o, fors’anche, una rivoluzione del modo di concepire la mobilità interna qui a Silvi. A questi ultimi – ha aggiunto il sindaco Scordella – sta, peraltro, rispondendo direttamente l’altra parte dei cittadini, che sembra essere ben più numerosa , che ha accolto con favore questa iniziativa definendola salutare sia sotto il profilo ambientale sia sotto il profilo della mobilità. Mi meraviglia, infine, che persone che hanno dimestichezza con la pubblica amministrazione e con la contabilità in genere, pretendano di fare il consuntivo di una attività economica nello stesso giorno in cui quell’attività ha inizio”.

“Non stiamo inventando alcunché – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici Pamela Giancola – stiamo solo cercando di mettere ordine a una situazione che negli anni si è fatta sempre più grave per residenti e turisti. Questo provvedimento si è reso necessario, come ci aveva suggerito il comando della Polizia Locale, per mettere fine al caos derivato dall’esponenziale aumento delle auto che in estate circolavano sul lungomare e ne monopolizzavano gli stalli posizionati ai lati. Le auto, infatti, erano parcheggiate in modo fisso per settimane non permettendo a chi aveva necessità di trovare parcheggio in prossimità di uffici pubblici, banche, Poste e farmacia di riuscire a trovarne uno libero. Irrilevante e, quanto meno, di secondaria importanza, la questione degli incassi sia per l’esiguità del pagamento della sosta oraria di cent. 50, sia perché il numero degli stalli interessati dalle strisce blu sono poche centinaia”

E conclude: “Abbiamo già spiegato che alcuni punti deboli in questa fase di avvio del servizio erano da mettere in conto. Ma fin dai primi giorni della prossima settimana sarà completata la segnaletica orizzontale e verticale, saranno abilitati i POS per il pagamento con carte e prenderanno servizio i tre ausiliari del traffico, che fanno carico alla ditta fornitrice dei parchimetri, per la gestione degli stessi. In definitiva – ha concluso l’assessore Giancola – si tratta pur sempre di un primo esperimento che prelude a miglioramenti che potranno venire sia dall’esperienza che si sta maturando, sia dai suggerimenti e dalle proposte di cittadini e organizzazioni o comitati di ogni genere, politici e non”.