Teramo, clandestino in Italia viene rimpatriato dopo un controllo stradale

Teramo. Va in escandescenze al culmine di un controllo e dopo la denuncia viene condotto nel centro di accoglienza per dar corso alle pratiche di espulsione.

 

La scorsa notte gli agenti della squadra volante della questura di Teramo, durante un pattugliamento, hanno controllato un cittadino albanese, B.B. di 35 anni, mentre transitava con la sua auto in piazza Garibaldi a Teramo. L’uomo è risultato già destinatario di un decreto di espulsione, dal maggio scorso, che aveva ovviamente disatteso.

Accompagnato in questura, è stato perquisito e trovato in possesso, nella tasca dei pantaloni, di circa 1 grammo di cocaina, oltre che ad una tessera sanitaria di proprietà di una donna italiana. L’uomo è andato in escandescenze, prima di essere riportato alla calma e denunciato per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e oltraggio.

In mattinata l’albanese è stato accompagnato in un centro di accoglienza a Potenza per dar corso alle pratiche di rimpatrio.