Teramo, il coordinamento dei comitati di quartiere scrive al sindaco

Domenico Bucciarelli, presidente del coordinamento comitati di quartiere e frazioni Teramo, scrive al sindaco D’Alberto per l’istituzione di commissioni consiliari speciali e per lo sviluppo della banda larga.

 

Si legge nella nota: “A distanza di sei mesi dall’insediamento della giunta comunale D’Alberto, stentano a decollare gli istituti della democrazia partecipativa. Nel contempo, si stanno costituendo altri comitati di quartiere e frazioni, soddisfacendo in tal modo la “sete”dei molti cittadini teramani che sono stati per troppo tempo lontano da ogni considerazione politico-amministrativa nella gestione del bene comune”.

Al fine di favorire ciò, il coordinamento dei comitati di quartiere e frazioni Teramo ha inviato una nota al sindaco ed all’assessore Sara Falini per proporre l’istituzione di apposite commissioni consiliari speciali, così come previste dallo statuto del Comune di Teramo. “Detti organismi permetterebbero la partecipazione anche di cittadini non eletti a codesti gruppi di lavoro per l’esame e per l’approfondimento di alcune specifiche materie in essere, quali ad esempio: la Team spa, la sicurezza nelle scuole, il teatro romano, la tutela e la salvaguardia della risorsa idrica, la valorizzazione della tradizione enogastronomica teramana e altro ancora. Nel contempo, il coordinamento si è proposto di porre all’attenzione dell’amministrazione comunale la tematica dello sviluppo della “banda larga”, al fine di favorire la formazione di un centro di ricerca – ad esempio il Parco della scienza alla Gammarana – con il quale poter coinvolgere i giovani che si occupano di tali sistemi. Ciò anche nell’interesse delle aziende collocate sul territorio teramano e di nuovi soggetti economici che da queste innovazioni trarrebbero vantaggi in termini di maggiore competitività”.