Teramo, la Asl dichiara guerra alle infezioni ospedaliere

Comincia da un importante convegno che si terrà domattina, giovedì 27 giugno, al Blu Palace di Mosciano S.Angelo, l’impegno della ASL di Teramo alla lotta contro le infezioni che si contraggono da ricoverati negli ospedali, ma anche nei luoghi di cura extra-ospedalieri.

Il Convegno, dal titolo “Gestione e Prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza”, il cui Responsabile Scientifico è la stessa Dr.ssa Maria Mattucci, nella sua qualità di Direttore Sanitario aziendale, insieme al Dr. Ercole D’Annunzio e alla Dr.ssa Cinzia Di Francesco, affronta una delle complicanze più gravi e, purtroppo, più frequenti, dell’assistenza sanitaria.

L’evento in programma domani, non solo farà il punto sulla situazione, ma fornirà anche strumenti e modalità operative per la prevenzione delle infezioni e per la loro gestione.

 “Le infezioni correlate all’assistenza sanitaria sono in aumento – dice la Dr.ssa Mattucci – e purtroppo il problema si aggrava anche a causa di un’ulteriore emergenza, cioè quella della presenza di ceppi batterici resistenti agli antibiotici, divenuti tali soprattutto a causa dell’uso non appropriato di questi farmaci.  Alla ASL di Teramo abbiamo ricostituito e trasformato quello che in passato si chiamava C.I.O. (Comitato Infezioni Ospedaliere) e che ora invece si chiama più correttamente CC-ICA (Comitato Controllo Infezioni Correlate all’Assistenza). Negli ultimi anni, infatti, l’assistenza sanitaria ha subito profondi cambiamenti, e mentre prima gli ospedali erano il luogo in cui si svolgeva la maggior parte degli interventi assistenziali, ora sono aumentati anche i luoghi di cura extra-ospedalieri (per esempio le RSA per anziani, l’assistenza domiciliare e l’assistenza ambulatoriale). Da qui la necessità di ampliare il concetto di infezioni ospedaliere a quello di infezioni correlate all’assistenza sanitaria (Ica). Dopo la ricostituzione del Comitato, abbiamo ritenuto assolutamente necessaria una importante azione di formazione dei nostri operatori e abbiamo organizzato questo primo Convegno (al quale parteciperanno circa 200 tra medici, tecnici, infermieri e altro personale sanitario), cui seguirà il prossimo, già organizzato per il mese di settembre”.

Alle dichiarazioni della Dr.ssa Mattucci si aggiungono quelle del Dr. Ercole D’Annunzio, Direttore della Medicina Legale e pioniere della gestione del rischio clinico: “La concreta possibilità di prevenire molte delle infezioni ospedaliere attraverso l’adozione di procedure specifiche e una corretta formazione in materia, sia degli operatori sanitari che dei cittadini, produrrà per la nostra Azienda una riduzione del contenzioso e degli eventuali risarcimenti, ma soprattutto una maggiore qualità dei nostri servizi sanitari e, conseguentemente, un migliore stato di salute dei nostri utenti.”



In questo articolo: