Teramo, ok ai tre milioni di euro per ponte San Gabriele: lavori al via tra sei mesi

Al termine di un incontro che si è svolto nella sede regionale dell’ANAS, è stato ufficializzato lo stanziamento di 3.150.000 euro per i lavori di ristrutturazione di ponte San Gabriele, che inizieranno tra pochi mesi, cui sarà stazione appaltante l’ANAS e che saranno finanziati dalla Protezione Civile.

Alla riunione hanno partecipato il sindaco Gianguido D’Alberto, l’assessore Stefania Di Padova, il dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale Ing. Remo Bernardi, mentre per la società delle strade erano presenti l’Ing. Antonio Marasco Capo Compartimento per l’Abruzzo e l’Ing. Ricci. Si è giunti a questo traguardo dopo una serie di incontri, attività, colloqui nei quali un importante ruolo è stato assunto anche dalla Prefettura di Teramo e dalla Protezione Civile.

L’ANAS ora provvederà ad ottemperare alle operazioni inerenti i diversi passaggi progettuali ed è presumibile sostenere, per stessa dichiarazione della società, che i lavori potrebbero prendere il via all’incirca tra 6 mesi. 

“E’ un risultato eccezionale – sottolinea il Sindaco Gianguido D’Alberto – che implicitamente conferma l’importanza delle positive relazioni tessute con altri enti ed organismi dalla nostra amministrazione e che premia il lavoro dell’assessore e dei nostri tecnici, tra i quali voglio ringraziare l’Ing. Pierluigi Manetta.  Dopo anni in cui abbiamo assistito al rimpallo delle competenze senza che vi fosse una vera assunzione di responsabilità e che avevano fatto di Ponte San Gabriele una specie di ibrido su cui nessuno rivendicava idoneità ad intervenire, giungiamo ora ad un esito che fa chiarezza. Si aprono perciò prospettive concrete di soluzione per una problematica in merito quale i nostri cittadini riservavano sempre più preoccupazione. L’attività di sinergia messa in campo è stato il valore aggiunto che ha consentito il raggiungimento del risultato. Esprimo un sentito ringraziamento alla Protezione Civile, in particolare al dott. Antonio Iovino, e all’ANAS che in una vicenda certamente non facile hanno saputo far brillantemente convergere le istanze proprie con quelle della comunità interlocutrice e ringrazio la Prefettura; la sinergia sviluppata per questa attività continuerà in futuro, nel solco del reciproco rispetto e della manifesta intenzione di impegnarsi per il bene della collettività. Ringrazio tutti coloro che si sono resi protagonisti di una storia che tra pochi mesi vedrà il suo esito ma che resterà come un segnale importante negli avvenimenti della nostra città”.   

L’Assessore Di Padova esprime “ampia soddisfazione per il risultato congiunto oggi ottenuto; ribadiamo l’impegno di questa amministrazione a porre fine alla querelle relativa alla riperimetrazione del centro abitato, definendo una volta per tutte la proprietà del manufatto”.

 



In questo articolo: